Equus Funalis cavalli, corse, fazioni e aurighi in epoca romana (AR 41)

di Maria Elisa Garcia Barraco

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 20.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 8ç, bross, edit., 80 pp., ill.ni a coll.


    L’equus funalis era il cavallo più importante della quadriga, posto alla sinistra del tiro, ovvero dal lato interno. Era il primo ad assecondare i comandi dell’auriga, ad impostare la direzione e a dover affrontare la curva. La sua azione risultava fondamentale nel momento più delicato della corsa e ne determinava l’esito. I cavalli venivano adornati con finimenti del medesimo colore della fazione per la quale correvano: sul collo portavano dei collari flessibili ed una reticella, la coda veniva stretta in un nodo e a volte tagliata per evitare che si potesse intrecciare alle funi del carro; la criniera veniva adornata di perle mentre sul pettorale venivano
    apposte delle bullae, campanelli e amuleti, con la funzione di talismani per la vittoria e contro il malocchio.