Raphael da Urbino. I Sonetti (Ipazia, 31)

di Ginevra Latini

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 15.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 8°, bross. edit. 108 pp., ill.ni in b/n

    Nuova edizione con un ottimo apparato critico dei sonetti autografi di Raffaello.



    Raffaello seppe rielaborare la migliore tradizione poetica petrarchesca e scrivere dei versi in modo estemporaneo sul recto e sul verso di alcuni cartoni preparatori per gli affreschi della stanza della Segnatura databili al 1509: sonetti di prima stesura emendati li per lì, in modo veloce, in cui riprendeva le caratteristiche stilistiche proprie della materia amorosa con alcuni motivi originali legati all’introduzione di aspetti più carnali. Non sapremo mai se lo fece per esercitarsi in una sorta di rimeria cinquecentesca o per fissare effettivamente dei sentimenti provati nei confronti dell’oggetto del suo amore. Raffaello d’altronde dipingeva i ritratti femminili, soprattutto nel periodo romano, con una costante tensione verso l’antico, verso la perfezione di quelle statue di Afrodite che incarnavano la sua complessa visione della bellezza e dell’amore. Venus come ispiratrice di arte e di versi, anche in questo modo possono essere intesi i suoi sonetti. Partendo dall’analisi dello stato degli studi sui versi di Raffaello l’autrice propone una nuova edizione dei sonetti e delle loro varianti accompagnata da un ottimo apparato critico.