Piranesi. Antichità di Pompei - a cura di Laurentino Garcia y Garcia - QNBP Series Maior 4

di Laurentino Garcia y Garcia

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 70.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Edizione celebrativa per il 300° anniversario della nascita di Giambattista Piranesi, tiratura limitata a 100 esemplari numerati a mano.

     F.to grande 30x32, 165 pp.su carta palatina avoriata, tavole e illustrazioni di incisioni.

    Introduzione e note critiche di Laurentino Garcia y Garcia

    Nel trecentesimo anniversario della nascita di Giovanni Battista Piranesi si presenta una raccolta di disegni e tavole meno note al grande pubblico, riguardanti le antichità di Pompei e i reperti conservati nel museo borbonico di Portici. Si tratta delle incisioni del periodo cosiddetto “documentario” in cui emerge il tratto dell’artista appassionato dell’antico che cerca di fissarlo prima della sua inevitabile distruzione. Sono tavole più filologiche, eseguite con l’intento di mostrare i monumenti e i reperti nel loro impianto funzionale e con dettagli che si avvicinano a delle illustrazioni scientifiche. I disegni, già eseguiti da Giovanni Battista e programmati per essere pubblicati, a causa della sua prematura morte, vennero rielaborati ed editi postumi dal figlio maggiore, Francesco Piranesi, fuggito da Roma per motivi politici nel 1799 e rifugiatosi a Parigi. Francesco riuscì a pubblicare, tra il 1804 e il 1807, tre tomi dedicati alle antichità magno-greche del regno di Napoli, le Antiquités de la Grande Grèce, aujourd’hui royaume de Naples. I primi due tomi hanno come secondo titolo Antiquités de Pompeïa, mentre il terzo, dedicato al museo di Portici, reca nel secondo titolo la dicitura Usages civils et militaires trouvés à Pompeïa et à Herculanum. In appendice si offrono anche i rarissimi disegni piranesiani dedicati alla Villa di Diomede a Pompei. L’introduzione traccia i dati salienti della vita, dei disegni e delle tavole riguardanti le città vesuviane, identificando tutti i coevi artisti e studiosi che ebbero a che fare con “i Piranesi”, e mette in risalto i giudizi, positivi o negativi, che il loro lavoro ricevette, ferma restando l’importanza dell’impresa tipografica e dei profitti che le tavole decretarono per innumerevoli anni. 

    Contiene:

    1. Antiquités de Pompeïa  vol. 1 - Antiquités de la Grande Grèce, aujourd'hui Royaume de Naples (Band 1): Antiquités de Pompeïa — Paris, 1804.

    2. Antiquités de Pompeïa  vol. 2 - Antiquités de la Grande Grèce, aujourd'hui Royaume de Naples (Band 2): Antiquités de Pompeïa — Paris, 1804.

    3. [Pompéïa, d'Herculanum et de Stabia] -  Antiquités de la Grande Grèce, aujourd'hui Royaume de Naples: Contenant les usages civils, militaires et religieux; le plan général du Muséum de Portici, dans lequel sont indiquées les armoires qui renferment les objets trouvés dans les fouilles de Pompéïa, d'Herculanum et de Stabia : le tout accompagné de détails relatifs aux arts utiles de tous genres — Paris, 1807.

    In appendice le incisioni della Casa di Diomede: "Diversi ornati delle pareti, volte, e pavimenti di musaico esistenti nelle camere della Casa di Campagnia di Pompeia".