San Giuseppe nell'Arte. Iconologia e iconografia del Custode silenzioso del Redentore - Sandro Barbagallo (Musei Vaticani)

di Sandro Barbagallo

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 30.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Arte e Fede, 4


    Rilegatura: brossura
    Lingua: Italiano
    Numero di pagine: 176
    Formato: 17 x 24 cm
    Illustrazioni: 41 a colori + 66 t.f.t. a colori



    Resta sempre difficile [] decifrare cosa san Giuseppe abbia rappresentato nell'immaginario di tanti artisti, cosa quindi si sia potuto attribuire a quest'uomo in termini di pensieri e riflessioni, ma anche di spirito di sacrificio o persino di un'inconfessabile desiderio di ribellione.

    Sandro Barbagallo

    Quarto volume della collana Arte e Fede, pubblicato esclusivamente in italiano e dedicato a san Giuseppe. Figura biblicamente poco citata, Sandro Barbagallo ne riscopre la presenza nell'arte, sottolineando come, anche artisticamente, Giuseppe sia stato ritratto più di frequente in modo marginale e defilato.
    Partendo dall'evocativa definizione di "Custode silenzioso", l'autore ripercorre gli episodi in cui compare Giuseppe, tratti dai Vangeli canonici, dagli Apocrifi, nonché dalla Storia di San Giuseppe il Falegname, soffermandosi poi sulle relative raffigurazioni da parte di artisti di varie epoche.
    Le opere selezionate colpiscono per la loro varietà: di ognuna l'autore indaga l'iconografia, la simbologia e lo stile, sottolineando di alcune le tradizionali convenzioni figurative, di altre rivelando gli approcci espressivi più inconsueti.
    In un percorso ricco di suggestioni, il lettore è guidato alla scoperta di questa figura enigmatica. Giuseppe appare infatti in molteplici sfaccettature: comparsa, e più raramente protagonista, giovane o vecchio, umile lavoratore e uomo "giusto", in primis testimone silente del Verbo divino.
    L'apparato fotografico, con riproduzioni a colori a piena pagina, si arricchisce di numerosi dettagli che risaltano la bellezza e la ricchezza compositiva di ogni opera.