MESOPOTAMIA ANTICA. Archeologia del pensiero creatore di miti nel Paese di Sumer e di Accad - Marco Ramazzotti

di Marco Ramazzotti

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 30.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Formato cm 17 x 24
    Pagine: 392
    Illustrazioni: in bianco e nero

    L’Archeologia e la Storia dell’Arte del Vicino Oriente antico incontra da subito in Mesopotamia, nel
    Paese di Sumer e di Accad, la mitogenesi dell’universo, del cosmo, dell’uomo e dell’umanità.
    Potremmo ritenere questo incontro quasi la poetica conseguenza di una visione dei suoi paesaggi
    lambiti dal Tigri e dall’Eufrate. Ovvero, più in generale, l’impronta percettiva che di quei paesaggi vicino-
    orientali (e in particolare mesopotamici) si era radicata nella nostra modernitĂ  stratificandosi in
    mappe, desideri e luoghi comuni che dall’età del Colonialismo avevano attraversato le lenti
    dell’Illuminismo e del Romanticismo europei. Percezioni che oggi sono quasi disciolte nell’effetto,
    devastante, che invece hanno prodotto le guerre moderne, e il primeggiare di nuovi imperialismi.
    Se volessimo, tuttavia, ambientare questi miti primigeni dell’origine, delle origini, potremmo farlo
    ancora (forse) rifuggendo il presente e fingendoci come nei notturni dialoghi ottocenteschi tra l’infinito
    e i pastori erranti dell’Asia. Dialoghi metafisici che ci trasportano su temi universali, in paesi lontani, in
    tempi remoti, e in un tempo che nell’antica Mesopotamia non può che risultare quello delle culture
    archeologiche di Sumer e di Accad. Per queste culture, in modi sensibilmente diversi, nell’acqua fu l’origine,
    sulla terra fu l’uomo e l’argilla fu - in primo luogo - la materia della creazione.