Donne romane

di Vanacore Paolo

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 10.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Tascabile, pp. 108, brossura
    Storie di donne bambine, mogli, madri e figlie nella periferia romana degli anni ottanta durante l'abusivismo edilizio, le occupazioni, gli straripamenti del fiume, dove il cemento impedisce la vista del cielo, dove il sogno è un grande prato di margherite. Sei racconti in cui sono le donne in prima persona a parlare, a confabulare tra loro, strette strette, sull'autobus che le conduce nel quartiere dei ricchi, dove fanno le pulizie, oppure alla scoperta della città, quella vera, che non hanno mai visto da vicino. Donne che nelle sere d'estate per combattere l'afa opprimente della capitale, strappano una sedia alla cucina e scendono in cortile a chiacchierare, donne che sanno trovare un coraggio e una forza inaspettati, adulte aggrappate alla vita, adolescenti alla ricerca dell'amore e delle sue illusioni, fragili ragazze prigioniere di un austero amore materno e di un matrimonio senza amore. Donne che non hanno saputo amare se stesse e i loro figli, che si danno e si addannano, che vengono da lontano e non sono mai uscite di casa, che studiano per riconquistarsi, che si coprono per pudore e si scoprono per passione, che ridono e piangono, che soccombono e riemergono. Donne che amano altre donne che amano madri che amano figli. «(...) Paolo Vanacore all'uso del racconto per nulla ambiguo - ma avvolgente - ci crede profondamente, quasi ha il piacere di svolgere le proprie storie come un mercante orientale svolge i propri preziosi tappeti davanti a coloro che si fermano e passano». dalla Prefazione di Roberto Cotroneo « Non leggevo un libro così tutto d'un fiato dai tempi di Ragazzi di Vita di Pasolini». Mario Scaccia