La catacomba ebraica di Monteverde: vecchi dati e nuove scoperte - Daniela Rossi e Marzia Di Mento - Roma 2013 - non disponibile

di

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 0.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Volume di grande formato, rilegatura rigida, 432 pp., ill.ni b/n e coll., tasca con 6 piante  a colori ripiegate.


    Nicholas Mueller  nel 1904 portò alla luce i cunicoli, le sepolture e le menorah delle catacombe ebraiche di Monteverde. È una scoperta che si rinnova e amplifica adesso grazie al libro che Daniela Rossi e Marzia Di Mento presentano oggi a palazzo Massimo (ore 10, Largo di Villa Peretti 1).

    E questo perché del sepolcreto israelitico sorto alle spalle di Trastevere nel corso del tempo si sono perse e ritrovate le tracce molte volte. A partire dalla scoperta fatta nel 1602 a Roma dal cultore di antichità cristiane Antonio Bosio.
    La Catacomba ebraica di Monteverde: vecchi dati e nuove scoperte, questo il titolo del volume che raccoglie gli studi e gli sforzi prodotti dal Municipio XII, dalla Provincia e dalla Soprintendenza archeologica statale per dare una prospettiva scientifica, ma innanzitutto una mappa certa, al dedalo di gallerie, celle, tombe che sono state seppellite dalla città moderna. E di cui si erano perse le tracce.

    Il lavoro che hanno fatto le archeologhe ogni volta che gli scavi per un parcheggio (2009) o la voragine in cui è caduto un camion nel 2012 rivelavano la presenza di cunicoli interrati, è stato quello di setacciare il terreno franoso di Monteverde ma, soprattutto, di andare alla origini della scoperta. Seguendo quel filo, Marzia

    Di Mento, 40 anni, archeologa che lavora per la Soprintendenza, è arrivata all'università di Humboldt, in Germania, e qui ha scoperto un vero tesoro: un centinaio di inedite foto in bianco e nero che documentano gli scavi fatti nel 1904 da Mueller nella vigna dei marchesi Pellegrini Quarantotti e che dimostrarono la veridicità della scoperta fatta 400 anni prima da Bosio. Poi cadde lentamente l'oblio. E sul cimitero degli israeliti infierì l'edilizia del boom economico.

    Dallo scempio si sono salvati un sarcofago come quello del bimbo che gioca con i suoi animaletti, molte epigrafi e tante immagini dell'inconfondibile candelabro a 7 braccia. Rossi e Di Mento si sono messe allora alla ricerca dei reperti provenienti dalla necropoli sotterranea di Monteverde e li hanno rintracciati ai musei Vaticani e in diversi musei di Roma, compreso palazzo Massimo.

    "È stato un lavoro di recupero di una memoria perduta - spiega Daniela Rossi, archeologa della Soprintendenza - e molto utili sono state le persone di Monteverde. Soprattutto i più anziani, ricordavano quelle "grotte" dove andavano a giocare da bambini o a ripararsi durante i bombardamenti". Frane e palazzi hanno sepolto gli ambienti entro i quali, dal terzo al quinto secolo d. C., gli ebrei trasteverini diedero sepoltura ai propri cari. "Scendere lì sotto ora è impossibile, dove possiamo mandiamo una sonda a perlustrare le gallerie. La scoperta delle vecchie foto ci ridà però forme e colori delle catacombe dimenticate di Roma".