Saturo, Falanto, Taranto: la triade vincente e le sue fonti - Arduino Maiuri (IPAZIA, 38)

di

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 15.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 8°, bross. edit., 146 pp. ill.ni

    L’esame delle fonti antiche, qui riportate tramite traduzioni originali, rappresenta forse il Leitmotiv di questo lavoro che, come intendimento centrale, si prefigge un riordino mirato della documentazione disponibile. I singoli capitoli privilegiano aspetti essenziali delle origini mitiche di Taranto, senza tuttavia avventurarsi in nuove ipotesi esegetiche, data anche l’ampia disponibilità di studi specializzati in materia. Trattasi, invece, di una scelta programmaticamente esemplificativa e illustrativa, non già per banalizzare la complessità dei temi affrontati, bensì per offrire al lettore una base concreta su cui poter fondare successivi approfondimenti mirati. In tal senso i primi tre capitoli, che compongono anche il titolo dell’opera, sono corredati da una quarta sezione, su alcune delle più insigni personalità della città antica, ed una quinta, conclusiva, relativa agli elogi incondizionati riservati all’Urbs Tarentum da autori di spicco dell’età augustea, quali Orazio e Virgilio in poesia e Livio in prosa.

    Arduino Maiuri ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Filologia greca e romana (2002), Storia religiosa (2012) e Storia, Antropologia, Religioni (2019) presso la “Sapienza” Università di Roma. Membro della Società Italiana di Storia delle Religioni e segretario di redazione della rivista Studi e Materiali di Storia delle Religioni, ha pubblicato il Quaderno n. 7 di Simbologia del Vestire, Roma antica/3. Paramenti sacri, Nuova Cultura, Roma 2007, La giurisdizione criminale in Tacito. Aspetti letterari e implicazioni politiche, Alpes, Roma 2012, Sacra privata. Rituali domestici e istituti giuridici in Roma antica, L’«Erma» di Bretschneider, Roma 2013, Antrum. Riti e simbologie delle grotte nel Mediterraneo antico, Morcelliana, Brescia 2017. Per la Arbor Sapientiae ha già realizzato Genius Loci. Il nume tutelare nei contesti filologici di epoca romana (Roma, 2020). Ha partecipato a numerosi convegni e incontri di studio sul mondo classico.