Peregrinazioni eroiche. Giorgio e il drago, fondazioni mitiche ed epici sviluppi - Chiara Italiano (Medievalia, 11)

di

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 35.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 8°, bross. filorefe su carta palatina, 338 pp. ill.ni in b/n


    Abstract:
    Il combattimento dell’eroe contro il drago ricorre in ogni tempo ed è un nucleo comune a culture molto lontane. Nel Medioevo l’uccisore del drago per eccellenza è san Giorgio, che diventa personaggio di spicco nel mondo dell’arte. Sembra invece non riuscire ad abitare con altrettanto successo la sfera letteraria. Ariosto, Tasso e Spenser, tre protagonisti del Cinquecento europeo e della Weltliteratur, lo evocano nelle proprie opere maggiori, cogliendo il fitto groviglio che compone questa figura complessa, tra il segno della torre, del bianco, del verde, dell’oro, e un sottile legame pervicace con il drago che dovrà affrontare. Il Giorgio uccisore del drago scivola dunque tra le pieghe della poesia, che gli concederà una felice, e celata, sopravvivenza. Tale occulta permanenza è oggetto di questo saggio.


    Autore:
    Chiara Italiano (Genova 1987) è studiosa di Letteratura italiana e di Letterature comparate, essendosi specializzata presso l’Università di Genova e in seguito presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. Si distingue, tra le sue diverse linee di ricerca, lo studio del rapporto tra figure dell’epica rinascimentale e tardorinascimentale (Tasso, Ariosto, Spenser) e le loro riviviscenze e rielaborazioni nelle letterature pre-contemporanee e contemporanee (Poe, Woolf, Gadda), con particolare attenzione alla continuità mitica di tali figure rispetto ai loro archetipi e prototipi antichi. Tra i suoi saggi si ricorda Le “donne-cavallier”. Orlando, cronotopia dell’androgino guerriero, Roma 2015. È membro del Comitato Scientifico di «Lumina. Rivista di linguistica storica e di letteratura comparata».