Piante icnografiche e prospettiche di Roma anteriori al secolo XVI - Giovanni Battista De Rossi (AR 36 - APR 7)

di

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 60.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 4°, edizione limitata su carta palatina avoriata, 191 pp.,  con 2 tavole f.t. ripiegate

    Un punto degli studi generali intorno ai monumenti di Roma, che in tanto fiorire della nostra’scienza non è stato trattato mai nel suo complesso, ed in più d’ una delle sue parti è quasi ignoto ed intatto, e quello che io chiamo delle fonti grafiche della romana topografia. Dei testi antichi e del medio evo descrittivi di Roma e delle sue meraviglie è stato fatto un corpo: codex topographicus Urbis Romae. Nel quale argomento ai nostri giorni si sono illustrati Carlo Ludovico Urlichs per la raccolta dei testi; Enrico Jordan per la loro critica ed esposizione. Tuttavia anche in questa impresa rimane ancora da fare; né il codex topographicus dei testi scritti è  ancora giunto alla ultima e desiderabile forma. Ma della parte grafica di questo corpus, cioè delle piante, delle prospettive e dei disegni d’ogni maniera dell’antica Roma e dei suoi edifici, i soli frammenti capitolini della Forma Urbis Romae dell’età di Settimio Severo hanno fino ad ora avuto il debito onore della perfetta edizione fattane dal Jordan. Il rimanente, fino quasi alla metà del secolo XVI, giace, o negletto o inedito: la tela, la storia il complesso del corpo grafico di piante, di disegni e di loro notizie sono una pagina non ancora scritta, forse neanche tentata, della letteratura di nostra scienza topografica e monumentale romana.