DEMETRIO CIDONE. Ritratto di un intellettuale bizantino - a cura di Nicola Cariello (M,8)

di Nicola Cariello

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 28.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 8°, bross. edit., 162 pp. con 6 tavv. f.t. a coll. 

    Nota del curatore
    I. L’autrice: cenni biografici
    II. Siuziumov e la Scuola dei bizantinisti degli Urali
    III. Il libro


    Prefazione

    Demetrio Cidone
    L’ideale politico giovanile
    Mesazon
    Le amicizie dotte
    La comunità sociale
    Il senso della vita e della morte
    I rapporti con la cultura latina
    Il “caso” Procoro Cidone
    L’arte della discussione
    La patria prima di tutto
    Conclusione
    Indice dei nomi di persona
    Indice cronologico
    Tavole


    Segretario di tre imperatori di Bisanzio, diplomatico, teologo, scrittore, traduttore ed insegnante, Demetrio Cidone – poco noto al grande pubblico ma oggetto di appassionate indagini da parte degli studiosi negli ultimi due secoli – riempie, con la sua attività e le sue opere, quasi per intero il XIV secolo. La sua figura appartiene allo stesso tempo sia al mondo bizantino che a quello latino perché fu tra i primi a diffondere la cultura latina in Oriente e quella greca in Occidente. Tutte le sue energie furono spese nel corso dell’intera esistenza per salvare la patria, gravemente minacciata dall’avanzata turca: per questo volse il suo sguardo soprattutto verso l’Italia, dove soggiornò più volte, consapevole del fatto che solo il papato sarebbe stato in grado di coordinare un intervento bellico efficace. In particolare, però, era attratto dalla cultura latina e fu tra i primi traduttori di Tommaso d’Aquino in lingua greca, per cui la sua fama in campo letterario si diffuse anche da noi. Coluccio Salutati, in uno scritto a lui indirizzato, lo salutava “vir omnis eruditionis et scientiae”. Nell’intento di superare anche le distanze religiose che da secoli, come un relitto storico, dividevano la cristianità Demetrio Cidone si convertì al cattolicesimo e fu un convinto seguace del vescovo Barlaam Calabro, favorevole alla riunificazione delle Chiese ortodosse a quella cattolica, nonostante la dottrina ufficiale bizantina fondasse le sue basi sulle teorie del monaco Gregorio Palamas, mistico e anti occidentale. L’autrice di questo saggio biografico, Margarita Polyakovskaya, a proposito dell’epistolario di Demetrio Cidone, composto di circa 450 lettere, nota: “Sembra il diario di una persona di cultura sull’agonia di un impero, ma dobbiamo riconoscergli il coraggio civile e umano di aver chiamato con il loro nome tutte le disgrazie di uno Stato”. La complessa personalità di Demetrio Cidone si colloca nella ristretta cerchia degli intellettuali bizantini che amaramente presero coscienza del fatto che stava approssimandosi la fine di un’epoca e se la sua concezione ottimistica dell’attività intellettuale sembra da ricondurre ad una visione preumanistica, la soluzione teleologica in campo filosofico denuncia invece un’idea del mondo ancora medievale. Aveva comunque un preciso concetto del fine dell’esistenza umana: “Chi non si dedica prima di tutto alla ricerca della verità non è degno del nome di uomo”. Ponte fra passato e presente e tra Oriente ed Occidente, Demetrio Cidone pare perciò il simbolo di quegli intellettuali bizantini che giustamente nel suo pregevole libro - la cui versione italiana appare qui per la prima volta – Margarita Polyakovskaya definisce “mediatori culturali tra il mondo greco-romano e quello contemporaneo”. Un’operazione, quella di scoprire o fissare legami tra culture diverse nel tempo e nello spazio, che in generale dovrebbe costituire l’obiettivo di ogni studioso di buona volontà