Topografia dell'Abruzzo Teramano. Il territorio di Campli dalla Preistoria al Medioevo (Carta Archeologica d'Italia - Abruzzo) - Davide Mastroianni

di Davide Mastroianni

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 35.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 4°, bross. edit. con bandelle, 150 pp., cartografia, ill.ni e foto a coll.

    L’indagine topografica nel territorio di Campli (TE) si inquadra nell’ambito della ricerca di dottorato dal titolo “Carta Archeologica e Ricerche in Abruzzo”. Il comune di Campli (TE)”. L’applicazione della metodologia propria della Topografia Antica fa sì che la carta archeologica di Campli risulti oggi un unicum per l’Abruzzo. Le ricognizioni sistematiche hanno permesso di ricostruire il quadro insediativo del territorio dall’età Protostorica al Medioevo. La distribuzioni dei siti in età pre-romana presenta le seguenti caratteristiche: facile accesso ai corsi d’acqua; posizione lungo i gradini dei pendii collinari; protezione assicurata dalle aree boschive che cingevano le creste della colline; ampi spazi per la caccia e l’allevamento. Con il Bronzo Finale si assestano queste dinamiche di popolamento, prediligendo maggiormente siti di altura o siti terrazzati. Manlio Curio Dentato, nel 290 a.C., avvia una precoce romanizzazione del territorio; la novità rilevante consiste nel forte ruolo di riferimento territoriale assunto dall’abitato di loc. Colle Melatino. Tra il II e il I sec. a.C., il sistema di organizzazione territoriale muta a favore di uno sviluppo delle attività agricole, con la nascita di diverse ville rustiche sul territorio; situazione che si mantiene quasi inalterata in età tardoantica e altomedievale. Nascono piccoli nuclei abitativi sui precedenti di epoca romana e diverse fondazioni monastiche, sulle quali le più ricche e potenti famiglie del territorio, i Melatino, investono interessi politici ed economici.

    Autore:
    Davide Mastroianni, archeologo e topografo, nato a Lamezia Terme (CZ), ha condotto numerosi scavi e ricognizioni in Italia (Grosseto, Comacchio, Lamezia Terme, Roma, Aquino, Troia); nel 2007 ha conseguito la Laurea Triennale con una tesi in Storia e Archeologia dell’Arte Greca e Romana, sotto la supervisione del Prof. Maurizio Paoletti e della Prof.ssa Stefania Mancuso. In seguito si è trasferito a Roma dove, nel 2010, presso l’Università di Roma “La Sapienza”, ha conseguito la Laurea Specialista con una tesi in Aerofotointerpretazione Archeologica e Sistemi Informativi Territoriali, sotto la supervisione della Prof.ssa Maria Fenelli e del Prof. Alessandro Maria Jaia. Ha frequentato, nel 2013, il primo anno della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università del Salento, sospesa nel 2014, in quanto vincitore del Dottorato di Ricerca in "Architecture, Industrial Design and Cultural Heritage", XXIX Ciclo, presso la Seconda Università degli Studi di Napoli. Qui ha conseguito, nel gennaio 2017, il titolo di Dottore di Ricerca in Topografia Antica, con una tesi dal titolo "Carta archeologica e ricerche in Abruzzo. Il comune di Campli (TE)", sotto il coordinamento scientifico della Prof.ssa Stefania Quilici Gigli. E' risultato vincitore di due borse di studio per la partecipazione alle Summer Schools Internazionali: "Preventive Archaeology: urban sites and landscapes. Methods and techniques for evaluating the archaeological value" e "Detecting and interpreting landscape transformations", svolte l’una presso l’Università di Ravenna e l’altra presso l’Università di Padova. Ha svolto, tra il 2010 e il 2013, numerosi incarichi presso la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, per la quale ha curato la realizzazione di attività di scavo come archeologo libero professionista, attività che svolge tutt’ora. Ha partecipato e partecipa attivamente a numerosi convegni nazionali e internazionali, pubblicando su diverse riviste scientifiche. Il suo ambito di ricerca si inserisce all’interno del settore legato alla Topografia dell’Italia Antica e Medievale e al telerilevamento aereo, con particolare riguardo agli approcci metodologici, tecnologici e multidisciplinari connessi alla materia


    Allegati alla News