Scavi privati nei territori di Pompei. Disiecta membra di antiche strutture e villae rusticae (collna QNBP - Series Maior, 1) - a cura di Laurentino García y García

a cura di Laurentino Garcia y Garcia

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • video
    Prezzo: € 85.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Con introduzione di Grete Stefani direttrice degli Scavi del Parco Archeologico di Pompei

    Descrizione:


    Formato 19,5x26,5 cm, bross. edit., 358 ill. b/n e coll., pp. 530, (w. 2,05 kg)


    Abstract:
    Ha scelto, ancora una volta, un argomento ‘scomodo’ Laurentino Garcìa y Garcìa per questa, da lui definita, ‘ultima fatica’. L’autore offre uno studio sistematico degli scavi privati nei territori attorno a Pompei, un frangente dell'archeologia pompeiana che ebbe il suo apice tra il 1876 e il 1933; se oggi l’evenienza dello scavo privato non sussiste più lo dobbiamo alla legge n. 1089 del 1939 che iniziò a restringere l’interesse economico dei privati nell’eseguire scavi nei propri terreni. Il pregio maggiore del presente lavoro risiede nella riunificazione e nell’integrale riproduzione delle relazioni redatte a corredo di tali scavi -   per la maggior parte già note ma rese a volte di difficile consultazione anche per la rarità di alcune fonti -  e soprattutto nell’apparato iconografico ricco di foto d'epoca e planimetrie, spesso inedite. Non si troveranno notizie sugli scavi abusivi e furtivi, proprio perché di essi non esistono testimonianze scritte. L’abbondanza di reperti provenienti dalla zona vesuviana sparsi nelle collezioni e nei musei d’Europa, d’America e persino dell’Asia testimoniano gli effetti del mercimonio attivatosi appunto da questa tipologia di scavi, che ancora perdura. Meritorio pertanto questo poderoso volume che mette a disposizione una copiosa raccolta di notizie sorprendenti, svelando anche particolari inediti, che gettano nuova luce su alcuni scavi privati del territorio vesuviano e sui luoghi dove oggi si conservano molti dei reperti allora rinvenuti. Sarà, ne siamo certi, un punto di riferimento per quanti nel futuro affronteranno l’argomento.

    Allegati alla News