Civiltà urbana e committenze artistiche al tempo del MAESTRO DI OFFIDA (secoli XIV-XV)

di Aa.Vv.

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 30.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Atti del convegno (Ascoli Piceno, Palazzo dei Capitani, 1-3 dicembre 2011),

    a cura di S. Maddalo e I. Lori Sanfilippo,




    24cm., bross. edit., pp. 386, ill.

    Indice:
    Jean-Baptiste Delzant, Per l'onore della città, per l'onore del signore. Circolazione di modelli politici e di artisti tra le signorie cittadine dell'Italia centrale (secolo XV) ; Francesco Pirani, Nelle Marche meridionali fra Tre e Quattrocento - città, regimi, committenza artistica ; Attilio Bartoli Langeli - Sonia Merli, Un aspetto della committenza pubblica in ambito urbano: le fontane ; Pierluigi Leone De Castris, Il Maestro di Offida nell'Abruzzo teramano ; Maria Giuseppina Muzzarelli, Spunti dagli affreschi del maestro di Offida per osservazioni sulla moda nel Trecento e sullo studio della storia della moda ; Stefano Papetti, La chiesa di Santa Maria delle Donne - un palinsesto della pittura trecentesca ad Ascoli Piceno ; Francesca Manzari, Pittori e miniatori tardogotici tra Marche e Abruzzo: un Messale miniato destinato a Offida ; Giorgia Corso, Scultura in pietra nella Marca meridionale - evoluzione e digressioni nei portali tardogotici ; Graziano Alfredo Vergani, Un signore lombardo, uno scultore romagnolo e un sepolcro "alla veneziana" nelle Marche del Trecento - Bonaventura da Imola e l'Arca di Giovanni Visconti da Oleggio nel Duomo di Fermo ; Luca Palozzi, Talenti provinciali. Il cardinale francescano Gentile Partino da Montefiore e un'aggiunta alla scultura umbra del Trecento ; Pio Francesco Pistilli, San Ginesio nel tardo medioevo e la vicenda della sua collegiata ; Francesca Flores D'Arcais, La diffusione delle opere d'arte veneziane nell'area centro adriatica nel Trecento ; Ferdinando Bologna, Il Maestro di Offida ; Alessandro Tomei, Qualche precisazione sugli affreschi tardogotici in Santa Maria della Rocca a Offida.