Ludus/ludere. Giocare in Italia alla fine del medio evo - Alessandra Rizzi

di Alessandra Rizzi

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 25.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Fondazione Benetton Studi Ricerche

    Collana: Ludica: collana di storia del gioco, 3

    p. 236, 17x24 cm, bross.


    Alla fine del medio evo (secoli XIII-XV) mentre nell'Italia di vecchia tradizione comunale i regimi signorili e principeschi intensificavano il controllo sui comportamenti sociali, anche le attività ludiche diventavano motivo di crescenti attenzioni. Le autorità civili e i rappresentanti della Chiesa si preoccuparono soprattutto di combattere l'azzardo. Tuttavia fu indispensabile concedere qualcosa all'"infame" vizio, giungendo persino, con l'istituzione della casa da gioco pubblica (la baratteria), a trarne talora un vantaggio economico. Cresceva, inoltre, nelle autorità laiche la consapevolezza del valore strumentale del gioco, e non solo a fini addestrativi e di ricreazione, ma anche propagandistici e sociali; il palio diventava, così, il gioco "pubblico" dell'Italia di tradizione comunale fra Tre e Quattrocento: espressione della memoria cittadina e momento in cui far confluire istanze religiose e politiche. Anche la Chiesa giunse alla fine a riconoscere la necessità del gioco: così, alle soglie di una nuova età, se lo stato aveva assunto il monopolio dei grandi spettacoli pubblici, la Chiesa avrebbe cercato di controllare, almeno in parte, la ludicità dei singoli.

    Premessa
    Un dilemma nella riflessione dei contemporanei
    Il gioco illecito nel pensiero tardomedievale
    Bernardino da Siena: un modello nella lotta contro l'azzardo
    Violenza e povertà per gioco alla fine del medio evo
    Il gioco tra regolamentazione laica e proibizione religiosa. L'azione dei comuni: il gioco di fortuna ...
    ... e l'attività fisica
    L'intervento della Chiesa
    La moralizzazione del gioco nel pensiero religioso tardomedievale
    pro bravio sive palio currendo: un gioco promosso nell'Italia dei comuni
    Conclusioni
    Indice dei nomi e delle cose notevoli