Religioni a Roma. Insediamenti centrali e periferici per antichi e nuovi abitanti - a cura di Maria Immacolata Macioti

a cura di Maria Immacolata Macioti

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 17.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:


    Enrico Gandolfi, Sonia Masiello, Katia Scannavini, Mariacristina Sciannamblo



    SINOSSI
    --------------------------------------------------------------------------------

    Roma, capitale del cattolicesimo, ospita oggi varie religioni e credenze spirituali che si legano alle migrazioni e incidono su paesaggi, usi e costumi. Se fino al XX secolo le cupole erano pressoché l'unico visibile, dominante riferimento religioso, oggi campeggiano la Moschea di Forte Antenne, i templi buddhisti tra cui la rossastra pagoda sita nella periferia sud di Roma, in via dell'Omo, gli insediamenti Sikh con i relativi Gurvara. Un tempo si vedevano purpuree vesti cardinalizie, violetti mantelli vescovili, i "gamberi rossi". Oggi, accanto a scure vesti sacerdotali, a mantelline svolazzanti, a piccoli crocefissi abbiamo vesti arancio o zafferano legate alla scuola dei virtuosi, del buddhismo vajrayana, i Gelugpa, lunghe vesti bianche di buddhisti, hinduisti, musulmani. Donne percorrono le vie romane e dei paesi vicini con lunghi veli colorati. La tradizione orientale vive anche a Roma. Cambia il tempo, con i calendari lunari. Accanto alla rosa simbolo di Maria si ha un fiorire di loti, trono, piedistallo per divinità e maestri orientali. Accanto al rosario compare il mala dai 108 grani, con il quale hinduisti e buddhisti cantano il mantra.

    pagine: 232
    formato: 17 x 24