Delizie degli Orti di Napoli - LEJLA MANCUSI SORRENTINO - Biblioteca napoletana Vol. XXXI

di

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 30.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Frutta, verdure e prodotti tipici tra storia, leggende e tante ricette antiche e moderne.
    Volume in 8° (cm. 17,5 x 24,5), di 208 pagine con 18 illustrazioni tratte da antiche stampe. Edizione su carta pesante in elegante astuccio rigido figurato
    "Napoli è un paradiso! Si vive in una specie di ebbrezza e di oblio di se stesso! è qui che si comprende come l'uomo abbia potuto concepire l'idea di coltivare la terra, qui ove i campi producono tutto, ove si possono ottenere da tre a cinque raccolti l'anno. Mi dicono che nelle migliori annate si è coltivato fino a tre volte il granturco nel medesimo campo... (J. W. Goethe, Viaggio in Italia, 1787).
    unanime il giudizio degli scrittori dei secoli scorsi nel manifestare stupore e nell'esprimere lodi per la bontà e la bellezza di verdure, ortaggi e frutti raccolti un tempo negli orti del Vomero, di Posillipo e dei Camaldoli, ormai cancellati dall'inurbazione. Fortunatamente sono ancora salvi quelli delle fertili pendici del Vesuvio, dei Campi Flegrei e dell'immediato entroterra napoletano. L'abbondanza dei raccolti, la superba qualità di frutta e verdura hanno da sempre caratterizzato la Campania felix, la cui spiccata vocazione agricola è insita nel nome che deriva da campus, e l'appellativo felix esprime la particolare fertilità del terreno. I doni profusi generosamente dalla natura, valorizzati e potenziati nel corso dei secoli dall'operosità degli abitanti, hanno dotato la Campania di un gran numero di prodotti tipici apprezzati e conosciuti oggi in tutto il mondo. Richiamando i testi di prestigiosi autori quali Vincenzo Corrado raffinato gastronomo settecentesco, l'illustre scienziato Guglielmo Gasparrini che fu direttore dell'Orto botanico, i medici Achille Spatuzzi e Luigi Somma che condussero un'indagine rigorosa sulla alimentazione del popolo minuto di Napoli, l'autrice mette in evidenza quanti e quali tesori gastronomici siano sempre stati a disposizione del popolo napoletano. I prodotti agricoli e alimentari con la loro storia, le tradizioni e le caratteristiche peculiari rappresentano un patrimonio naturale immenso di grande interesse culturale ed economico da conoscere e custodire. Ad ogni singolo prodotto è dedicata una scheda ricca di notizie, aneddoti, leggende e curiosi proverbi popolari, completata da ricette sfiziose per cucinare verdure e ortaggi nel modo più gustoso la frutta invece è alla base di torte squisite, marmellate casalinghe, sorbetti, liquori e profumati rosoli.