Luigi Moretti e il catalogo degli Olympionikai. Testimonianze epigrafiche, letterarie, papirologiche e numismatiche sui vincitori degli agoni olimpici panellenici (Ellade e Magna Grecia: 776 a.C. – 393 d.C.) - AM; 7

di Maria Elisa Garcia Barraco

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • video
    Prezzo: € 32.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    Disponibile anche  in PDF Euro 25,00


    In 4°, brossura  fresata, 204 pp., ill.ni b/n


    Collana ArcheologicaMente; 7

    Catalogo dei vincitori olimpici dell’antica Grecia (776 a.C. – 393 d.C.).


    Booktrailer:
    https://www.youtube.com/watch?v=8AV3VsvkwiI&feature=youtu.be



    Abstract:
    La presente pubblicazione nasce dall’esigenza nel mondo degli studiosi delle antichità classiche di poter avere a disposizione un repertorio, quanto più completo ed aggiornato, dell’importante documentazione relativa ai vincitori degli agoni olimpici, con particolare riferimento alla cronologia e alla nomenclatura.
    Il più aggiornato lavoro di raccolta delle fonti in cui sono attestate notizie sui vincitori degli agoni olimpici dal 776 a.C. al 393 d.C. rimane quello di Luigi Moretti, pubblicato in vari e successivi contributi che si completano tra loro: il fondamentale Olympionikai, i vincitori negli antichi agoni olimpici nel 1956, un primo aggiornamento nel 1970 in «Klio» e un secondo nel 1987 nella XII Miscellanea greca e romana.
    Il nucleo centrale di questo lavoro venne elaborato dallo studioso all’età di trentaquattro anni e fu presentato da Aldo Ferrabino, Augusto Mancini e Margherita Guarducci, i quali sottolineavano l’originalità e la qualità del metodo utilizzato da Luigi Moretti e lo definivano un sussidio indispensabile per lo studio degli agoni olimpici. Con 1029 attestazioni in cui furono inseriti anche i periodonikai ed utilissimi indici di nomi e di luoghi per potersi muovere più agevolmente all'interno del vasto repertorio, questo lavoro superò ampiamente per metodo e completezza quello del Förster , di cui fu a tutti gli effetti un completo rifacimento. Durante i sessanta anni che trascorsero fra le due pubblicazioni (1896 – 1956) erano infatti venuti alla luce tanti nuovi documenti epigrafici e papiracei e si era resa necessaria una rielaborazione di questi dati per compilare un nuovo catalogo degli agoni olimpici e dei vincitori. Lo studio del Moretti permise inoltre di rivedere alcune cronologie delle Grecia classica e le relazioni culturali e religiose delle città legate al circuito delle Olimpiadi.

    (cfr anche libro L'atleta nell'antichità)