Atlante tipologico delle forme ceramiche di produzione locale in Etruria padana (Kainua; 3) - Collana Studi e Scavi; nuova serie 37

di Chiara Mattioli

invia la pagina per emailcondividi su Facebookcondividi su Twitter
  • Prezzo: € 50.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    formato 21x29,7 cm; ril. bros., pp. 564 circa, in b/n

    La tipologia generale della ceramica etrusca prodotta in area padana fra la metà del VI a.C. e il declino del sistema etrusco-padano risponde alla necessità di dare ordine a una straordinaria quantità di materiale vascolare fino a ora studiato in modo settoriale e segmentato.
    Obiettivo principale del presente lavoro è restituire un quadro per la prima volta complessivo di questa produzione ceramica locale presente in un’area molto vasta, stabilmente occupata dagli Etruschi e quindi con caratteristiche di grande omogeneità storica. In secondo luogo si intende proporre uno strumento di analisi utile per quanti si confronteranno con questa produzione vascolare all’interno di singole zone di scavo. Una prima analisi territoriale della documentazione fa emergere caratteri di uniformità e di standardizzazione, ma anche differenze che mettono in luce, specie nelle aree di confine, fenomeni di interazione culturale con le realtà confinanti.

    Chiara Mattioli è laureata in Lettere Classiche con una tesi in Etruscologia e Archeologia italica, specializzata in Archeologia, dottore di ricerca in Scienze Archeologiche. Attualmente è Tecnico Laureato - Responsabile del Laboratorio Materiali Archeologici presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà (Sezione di Archeologia) dell’Università di Bologna. Lo studio tipologico della ceramica etrusca prodotta in area padana è stato l’oggetto delle sue tesi di Specializzazione e di Dottorato. Tra gli ambiti d’interesse si segnala, oltre alle dinamiche di diffusione della ceramica etrusca nei territori limitrofi con particolare riguardo al mondo veneto, la ricostruzione delle economie produttive della città di Marzabotto, dove si concentra la sua pluriennale attività di scavo.